martedì 9 Agosto 2022

Francia, l’Assemblea Nazionale boccia la proroga del green pass per i viaggi

Martedì sera i deputati dell’Assemblea Nazionale francese hanno votato l’eliminazione di un articolo chiave del disegno di legge sanitaria, l’art. 2, che prevedeva la possibilità di ripristinare il green pass per i viaggi da e verso l’estero in caso di necessità. La votazione ha visto 219 deputati favorevoli all’abolizione del pass per viaggiare, contro i 195 che vi si opponevano. Poco prima era stata bocciata anche l’ipotesi del mantenimento del green pass per i viaggiatori minorenni. Il disegno di legge è stato quindi ridotto essenzialmente all’art. 1, che prevede di continuare la raccolta di dati sanitari sui test di screening.

Il nuovo disegno di legge ha incontrato la ferrea opposizione di Rassemblement National (RN), il partito di Marine Le Pen, e di tutti i principali gruppi di sinistra (La France Insoumise, i comunisti e gli ecologisti). La proposta sancisce la scadenza al 1° agosto del “regime giuridico dello stato di emergenza sanitaria” e del “pass sanitario e vaccinale nella vita quotidiana dei francesi”, come sottolineato dal ministro della Salute François Braun, salvo la reintroduzione, in caso di necessità, di misure di contenimento dei contagi quali il green pass per effettuare viaggi al di fuori della Francia. Nel corso dei lavori preliminari in commissione il governo ha anche dovuto accettare la scadenza al 31 gennaio delle misure contenute nel disegno di legge, anziché al 31 marzo come inizialmente previsto. Il dibattito, iniziato lunedì 11 e proseguito nel pomeriggio di martedì 12 luglio, è stato sviaggi viaggi egnato da numerose tensioni e da inaspettati capovolgimenti della maggioranza, che hanno messo in luce le difficoltà di manovra del governo e della maggioranza relativa di cui dispone. RN, LR e numerosi parlamentari di sinistra hanno anche criticato il rifiuto del governo di reintegrare gli operatori sanitari sospesi perché non vaccinati, decisione definita da alcuni un «abuso di potere assurdo e senza precedenti».

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

6 Commenti

  1. Io sono dell’idea di mandare tutti a casa, e questo non sarà impossibile; più difficile sarà costituire un’alternativa valida che convinca tutti quegli italiani disgustati dalla politica che non vanno più a votare. L’Italia guarda sempre alla Francia(oltre ad altri paesi stranieri):Speriamo che la prenda ad esempio!

    • Mi autodenuncio pubblicamente: votare LEU alle scorse elezioni politiche mi sembrò già abbastanza “di sinistra”, mi hanno regalato Speranza, che dire!!!
      Purtroppo Lotta Continua non ha fatto del gran bene all’Italia, quindi diventa difficile, anche “da questa parte”…
      Facciamo Comunisti Italiani che almeno dall’opposizione extraparlamentare il buon Marco Rizzo l’ho sentito scagliarsi più volte contro il GP e le politiche dei governi di questa legislatura, chissà che a questo giro arrivino alla soglia di sbarramento, se mai la finissero di frammentarsi in 100 rivoli!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI