lunedì 15 Agosto 2022

Quanti follower servono di preciso per ottenere la cittadinanza?

La risposta è: 142 milioni e 600 mila. Tanti ne ha Khaby Lame, star del social TikTok, sulla quale recentemente è divenuto il creator più seguito al mondo. Di origini senegalesi, 22 anni, da quando ne ha uno vive con i genitori in Italia, fino ad ora non era mai riuscito a ottenere la cittadinanza italiana. Fino al 2020 di mestiere faceva l’operaio, poi lo scoppiare della pandemia ha costretto lui, come tanti altri, a casa senza reddito. E così, un po’ per caso, è iniziata la carriera da tiktoker, che lo ha portato presto a scalare la vetta dei profili più visitati al mondo. All’inizio di giugno la questura di Milano lo ha convocato per portare a termine le pratiche riguardo la richiesta di cittadinanza, procedura dalle tempistiche inspiegabilmente lunghe in Italia. Ma per fortuna a rassicurare Lame ci ha pensato il sottosegretario di Stato all’Interno Carlo Sibilia, con un post su twitter che non è passato inosservato alle decine di utenti della piattaforma che da anni sono in attesa di ottenere i documenti.

Il percorso per diventare a tutti gli effetti cittadino italiano è estremamente lungo e accidentato: sono necessari 10 anni di residenza sul territorio prima di poter avanzare la richiesta, che può comportare tempi di attesa fino a 3 anni (con il precedente decreto voluto da Salvini i tempi di attesa potevano slittare a oltre 4 anni). Bisogna poi dover sottostare a requisiti precisi, quali il disporre di un reddito adeguato e avere la fedina penale pulita. Questo perché la cittadinanza non è concepita nei termini di diritto, ma di concessione che viene fatta dallo Stato in base all’effettivo interesse della comunità a ricevere il nuovo cittadino.

Recentemente, le difficoltà e i ritardi nell’ottenimento dei documenti hanno impedito al tiktoker di successo Khaby Lame di partecipare a un viaggio di lavoro negli Stati Uniti. Un inconveniente seccante e comune alle centinaia di migliaia di residenti stranieri in Italia, che da anni attendono la concessione dello status di cittadino. Tuttavia Lame non è certo un cittadino come gli altri: i suoi follower gli valgono circa 2,3 miliardi di visualizzazioni sui social. Un bel bacino d’utenza, che non è di certo passato inosservato alla politica. Sarà forse per questo che il sottosegretario di Stato all’Interno Sibilia, con inedito slancio, ha provveduto a rassicurare Lame con un tweet: non preoccuparti, i tuoi documenti sono quasi a posto.

Il tweet non è passato inosservato a decine di utenti, che hanno immediatamente sottolineato l’ipocrisia di un tale comportamento. “Mi piacerebbe sapere quanti tweet simili ha indirizzato a cittadini nelle stesse condizioni di Khaby” ha scritto un’utente, mentre un’altra ragazza segnala “Salve sig. Sibilia, anche a me piacerebbe avere la cittadinanza ma non sono una famosissima tiktoker e non ho il reddito abbastanza alto da potermi permettere di compilare la domanda per la concessione della cittadinanza. Sono qui da 20 anni e studio all’università. Può emanare anche per me un decreto di concessione?”.

Non è giusto che una persona che vive e cresce con la cultura italiana per così tanti anni ed è pulito, non abbia ancora oggi il diritto di cittadinanza. E non parlo solo per me.  Il visto e magari la cittadinanza mi renderebbero le cose più facili, ma non sarei contento pensando a tutte quelle altre persone che magari sono anche nate in Italia e non hanno lo stesso diritto” ha dichiarato Lame in un’intervista rilasciata a La Repubblica. A noi non resta che congratularci con Lame per essere arrivato alla conclusione di un percorso a ostacoli che lascia molti indietro. E constatare, per l’ennesima volta, che parità dei diritti e tornaconto politico non possono convivere sotto lo stesso tetto.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI