sabato 25 Giugno 2022

Monsanto sconfitta davanti alla Corte Suprema USA: il glifosato causa tumori

Negli Stati Uniti, la multinazionale Monsanto, di proprietà della Bayer, è stata nuovamente sconfitta in tribunale in relazione all’ennesimo contenzioso sul glifosato. Il massimo organo di giustizia statunitense, la Corte Suprema, ha bocciato un ricorso del colosso tedesco, rigettando la sua richiesta di riesaminare la sentenza che le impose un risarcimento di 25 milioni di dollari a favore di Edwin Hardeman: dopo che gli venne diagnosticato il linfoma non-Hodgkin – tumore maligno del sistema linfatico -, nel maggio 2021, l’uomo settantenne riuscì a fare valere il nesso di causalità tra la malattia e Roundup, diserbante a base di glifosato prodotto appunto dalla Monsanto, da lui utilizzato per quasi trent’anni.

Il glifosato è una sostanza chimica utilizzata ampiamente nei prodotti fitosanitari impiegati principalmente nell’agricoltura e nell’orticoltura, al fine di combattere le erbe infestanti e nocive per le colture. Principio attivo del diserbante Roundup, il glifosato è una sostanza piuttosto controversa in quanto, se l’Iarc (Centro internazionale per la ricerca sul cancro) l’ha inserita nella lista di sostanze “probabilmente cancerogene” nel 2015, l’efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha definito “improbabile” tale pericolo. Così come l’ECHA (Agenzia europea per le sostanze chimiche), la quale ha dichiarato di non essere in possesso di prove scientifiche per classificare la sostanza come cancerogena.

Negli Stati Uniti, tuttavia, un tribunale federale ha stabilito che l’EPA (Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti) debba riconsiderare il fatto che il glifosato rappresenti un rischio per la salute di esseri umani e animali. Di conseguenza, Bayer è stata condannata per non aver mai sufficientemente esplicitato i rischi legati al suo utilizzo. I gruppi ambientalisti avevano già contestato la decisione dell’amministrazione Trump nel 2020, la quale aveva concluso che il prodotto non causasse il cancro e non danneggiasse la fauna selvatica. Oggi l’EPA viene quindi incolpata di aver sottovalutato i possibili rischi per la salute con l’impiego della sostanza e, per questo motivo, la Corte d’appello degli Stati Uniti ha deciso che dovrà riaprire la procedura di valutazione. 

Tornando alla causa di Edwin Hardeman, l’azienda era già stata condannata a versare 25,3 milioni di dollari come risarcimento nel 2019. Sicuramente la recente decisione della Corte Suprema scoperchierà il cosiddetto “vaso di Pandora” con altre azioni legali. Ad oggi, infatti, sono oltre 30mila le denunce simili depositate nei tribunali degli Stati Uniti: per farvi fronte, Bayer ha già messo da parte 6,5 miliardi di dollari. L’azienda ha però espresso il suo più totale disaccordo e la volontà di continuare a produrre e commercializzare il diserbante Roundup. Secondo la multinazionale non è necessario indicare alcun avvertimento particolare sui prodotti a base di glifosato, in merito a possibili rischi oncologici.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. attenzione!
    il glifosato è da sempre imputato di essere altamente cancerogeno, come risulta dalla sentenza negli USA
    però in Europa sembra non fare così male:
    “AGRICOLTURA. L’Ue sta valutando il rinnovo dell’autorizzazione dell’erbicida (cancerogeno) più usato al mondo sulla base di studi forniti dalle aziende agrochimiche…”
    Il Manifesto 24.6.22
    https://ilmanifesto.it/europa-al-glifosato

    Sembra chiarirsi il senso della più grande acquisizione di un’azienda USA (Monsanto) da parte di una azienda europea (Bayer), che al tempo sembrava quasi assurda. 66miliardi per acquistare veleni?
    Forse perché la multinazionale tedesca, in Europa fa ciò che vuole ?… E fa ingerire e respirare veleno a mezzo mondo…

    E se la facessimo smettere di fare schifezze e la costringessimo a produrre prodotti sani??

    “Bayer sopprimerà il marchio Monsanto dopo l’acquisizione che si concluderà il 7 giugno, per un valore di 66 miliardi di dollari che darà vita al più grande gruppo mondiale nel campo delle sementi e dei fertilizzanti agricoli.”
    4.6.2018, Il ole240re
    https://www.ilsole24ore.com/art/bayer-cancellato-marchio-monsanto-fusione-66-miliardi-dollari-AEMmPrzE?refresh_ce=1

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI