lunedì 15 Agosto 2022

La spesa militare nel mondo

Di conflitti attorno al mondo ce ne sono veramente molti, ma quello che più di tutti ha riacceso il dibattito in Europa è quello tra Russia e Ucraina. C’è una questione, in particolare, di cui si discute da tempo ma la cui attualità non smette mai di interessare e suscitare polemiche. Stiamo parlando di quanto spendono gli Stati in tutto il mondo per portare avanti il proprio esercito e, più in generale, tutto il comparto che finisce sotto il nome di Difesa. Prima di passare ai numeri, riprendiamo un momento uno degli ultimi episodi che ci ha riguardato da vicino: il 16 marzo il nostro Parlame...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. Molto comodo affidare ad altri la propria difesa…specialmente se nessuno ha interesse a destabilizzarti perche’ sei un paradiso fiscale, o addirittura non sei in realta’ uno stato indipendente (Falkland, Groenlandia, etc.)…E non dimentichiamo che molti dei paesi che spendono molto del proprio pil in armi hanno dei vicini poco pacifici (vedi per es. la Turchia per la Grecia, i paesi baltici con la Russia…). Personalmente ritengo che il detto romano antico “costruisci la pace preparandoti alla guerra” sia tristemente e tragicamente vero: l’importante e’ mantenere nei momenti critici il sangue freddo e non far passare per difesa cio’ che invece e’ un attacco (USA docet).

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI