sabato 3 Dicembre 2022

Firenze si inventa lo “scudo verde”: ingresso in città vietato alle auto vecchie

Nella città di Firenze verrà introdotta una zona ad accesso limitato che interdirà il passaggio ai veicoli più inquinanti. Il progetto “scudo verde” del Comune sta così per entrare nella sua fase concreta, dopo anni di progettazioni e analisi. L’idea sarebbe quella di vietare il passaggio di mezzi diesel fino agli Euro 4 e benzina sino agli Euro 2 da subito, per poi aggiungere gradualmente anche gli Euro 5 diesel e gli Euro 3 benzina. Al fine di incentivare l’uso dei mezzi pubblici anche ai veicoli meno inquinanti, potrebbe essere introdotta per tutti una tassa di ingresso in città di 1,50 euro (i residenti ne sarebbero esclusi), corrispondente al prezzo di un biglietto del pullman.

L’introduzione delle nuove regole dovrebbe essere effettuata regolarmente, probabilmente prevedendo un numero iniziale di ingressi in città ai veicoli inquinanti per far fronte alle emergenze. Nella fase successiva, arriveranno le multe a casa a tutti i trasgressori, individuati dalle 81 telecamere che verranno poste agli ingressi in città. Lo “scudo verde” dovrebbe essere reso operativo entro l’estate 2023.

In una città che conta su di un traffico giornaliero di oltre 250 mila mezzi, il Comune prevede un guadagno di circa 15 milioni di euro all’anno, da reinvestire del tutto nel trasporto pubblico. Una misura del genere tuttavia rischia di affrontare il grave problema dell’inquinamento atmosferico in maniera semplicistica e discriminatoria per la cittadinanza. A rimanere tagliati fuori dall’ingresso a Firenze, infatti, vi saranno anche, se non soprattutto, quei cittadini che non dispongono di un veicolo poco inquinante di ultima generazione perché, semplicemente, non possono permettersi di acquistare un’auto nuova.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI