lunedì 23 Maggio 2022

L’Europa accelera nella costruzione di una strategia di difesa comune

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha accelerato alcuni processi di portata storica per l’Unione europea. I 27 capi di Stato dell’Unione hanno infatti discusso e siglato, nelle giornate del 10 e dell’11 marzo, la Dichiarazione di Versailles, un documento che racchiude le modalità di rafforzamento della sovranità europea, riduzione delle dipendenze e attuazione di un nuovo modello di crescita e investimento. A tal proposito, la costituzione di un fronte di difesa europeo comune, con un deciso aumento degli investimenti militari da parte dei singoli Paesi membri, costituisce un elemento di centrale importanza.

Si è concluso l’11 marzo il vertice di Versailles, presieduto dal presidente francese Macron, che ha riunito i 27 leader europei e nell’ambito del quale sono state prese decisioni di portata storica per l’Unione, in particolare per quanto riguarda la nuova politica di difesa comune europea in seguito all’attacco dell’Ucraina da parte della Russia. Nelle settimane passate alcuni Paesi dell’Unione avevano già preso decisioni di particolare peso: la Germania ha infatti investito cifre da record per la difesa, portando la spesa militare ben al di sopra del 2% del PIL richiesto dagli accordi tra i Paesi NATO, e la Svizzera ha abbandonato la propria posizione neutrale per dichiararsi favorevole alle sanzioni contro la Russia.

La Dichiarazione di Versailles, siglata dai presenti, rappresenta l’intenzione di “compiere ulteriori passi decisivi verso la costruzione della nostra sovranità europea, la riduzione delle nostre dipendenze e la messa a punto di un nuovo modello di crescita e investimento per il 2030″. Tra questi, la costruzione di un fronte di difesa comune costituisce un punto centrale. Ulteriori incontri saranno previsti per il 23 e 24 marzo, quando la Dichiarazione sarà presentata al Consiglio europeo, e a metà maggio, per definire con più precisione le modalità di rafforzamento della capacità di difesa. Previsto poi per fine giugno il vertice tra i Paesi della NATO a Madrid.

Il progetto di un rafforzamento della difesa comune, come scritto nella Dichiarazione, è in discussione da dicembre 2021: dopo lo scoppio della crisi in Afghanistan, infatti, l’Europa si è scoperta disorganizzata e impreparata nei confronti di scenari geopolitici instabili. “La guerra di aggressione della Russia segna un cambiamento epocale nella storia europea” si legge nella Dichiarazione: per tale motivo l’UE ha deciso di assumersi “maggiori responsabilità” nel campo della sicurezza. È previsto un aumento degli investimenti nella difesa da parte dei firmatari, ragion per cui prima dello svolgimento degli incontri di metà maggio dovrà essere presentata “un’analisi delle carenze di investimenti in materia di difesa” da parte della Commissione, in coordinamento con l’Agenzia europea per la difesa.

Gli Stati si impegnano inoltre a perseguire l’invio di “tutti i mezzi disponibili” verso l’Ucraina, anche ricorrendo anche allo strumento europeo per la pace, un fondo dell’Unione che ha previsto lo stanziamento di 5 miliardi per il periodo 2021-2027 finanziato da contributi degli Stati membri e che consente l’invio di risorse e armi.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Sono le basi del Nuovo Ordine Mondiale che stanno prendendo forma. Un esempio lo abbiamo avuto già in Canada, dove truppe di mercenari arrivati da chissà dove, hanno represso con la violenza le manifestazioni pacifiche dei camionisti. Queste truppe, senza capire neanche il significato delle proteste dei cittadini, avranno l’ordine di usare violenza (magari persino uccidere) su persone che non appartengono alla loro nazione, che non parlano la loro lingua e di cui non avranno nessuna pietà. Saranno il braccio armato del NWO.

  2. Io la vedo diversamente.
    L’europa accelera nel prcesso di perdita delle sovranità nazionali.
    Il problema è per abbracciare cosa?
    L’europa ha rifiutato le sue sole radici, quelle cristiane, che abbracciano l’europa da Lisbona a Mosca.
    Per abbraciare cosa? Le false libertà (aborto, suicidio, transessualismo) di una subcultura mortifiera?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI