giovedì 1 Dicembre 2022

La crisi in Ucraina e i punti deboli del sistema energetico italiano

La guerra tra Russia e Ucraina è iniziata. Preceduta da mesi di tensione, ha determinato però squilibri geopolitici ed energetici visibili ancor prima che cominciasse ufficialmente. Il rincaro delle bollette è solo uno dei suoi effetti collaterali, seguiranno infatti aumenti nei prezzi di diverse materie prime, grano compreso. Nel quadro attuale, è tuttavia il gas il principale protagonista della crisi energetica. Il prezzo di tale fonte è aumentato inizialmente in corrispondenza della ripresa economica e dell'incremento nella domanda, poi, a peggiore le cose, il conflitto. Un'ulteriore impenn...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. Un po’ come la pandemia ha messo in luce evidenti limiti del sistema sanitario Nazionale, frutto di continui tagli perpetrati da un governo che, a tutto pensa, tranne che al bene del proprio popolo.. la guerra mette in luce la mancanza di lungimiranza e di una chiara strategia energetica, che non si basi sugli umori dei paesi limitrofi. Dobbiamo andare verso un autosufficienza energetica ecosostenibile, abbiamo tutti gli elementi per poterlo fare, non appena cesserà la speculazione dei “pochi soliti” forse ce la faremo.. Good Luck 🍀

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI