venerdì 7 Ottobre 2022

In decine di città italiane si organizzano manifestazioni per la pace

In Italia erano le 03:50 del 24 febbraio 2022 quando Putin ha annunciato l’avvio dell'”operazione militare speciale” in Ucraina. Da quel momento gli scontri si sono susseguiti sia al confine sia nell’entroterra, riportando centinaia di morti e migliaia di sfollati, con le città ucraine sotto assedio. Nel frattempo in decine di Paesi del mondo si sono registrate diverse manifestazioni per chiedere la cessazione immediata delle ostilità: dal Regno Unito al Giappone, passando per Italia e Germania. Anche in Russia sono avvenute nella notte diverse proteste contro la decisione di Putin, terminate con più di 1400 arresti. Per la giornata di domani, 26 febbraio, sono previste ulteriori manifestazioni per la pace in decine di città italiane, così come riporta Peacelink. L’obiettivo è ripudiare la guerra e, in diversi casi, opporsi all’allargamento della NATO.

“Tutti i popoli devono essere messi nelle condizioni di vivere insieme nella sicurezza e in pace, impegnati a preservare durevolmente l’umanità, liberi di scegliere i propri destini e di determinare le proprie forme di governo. Siamo contrari a tutte le guerre e siamo convinti che il movimento pacifista debba ritornare a essere presente” recita il comunicato pubblicato dalle associazioni cosentine. A Roma si chiede invece “uno stop immediato delle ostilità. Il primo obiettivo deve essere la protezione umanitaria dei civili. Necessarie poi iniziative di demilitarizzazione e disarmo, in particolare nucleare”. A Bologna è prevista dalle 18 una fiaccolata da Piazza San Francesco a Piazza Maggiore “per dire no a leader mondiali e locali che trascinano il mondo in un’avventura senza ritorno”.

[Di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. poteva optare per una sfilza interminabile di pastelli colorati… L’inutilità di certa gente e certe iniziative sono lampanti, per non parlare di quando siano veicolate ed indirizzate dall’indottrinamento politico…perché, non capire che l’Ucraina è vittima non della Russia, che la sta liberando, e lo si denota dai molti video di soldati ucraini che si arrendono e ballano alla viste dell’armata di Mosca, ma della NATO, con i soldi di Soros ed il programma liberale di politicizzazione colorata (rivoluzione del maidan), è davvero di una vergogna impressionante. Eppure, la dissonanza cognitiva, è presente in molti, soprattutto in coloro che guardano i tg, i talk show del pome su LA7, leggo il Corsera, Stampa, Repubblica etc, ma che soprattutto si definiscono di sx, perché seguono il PD…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI