mercoledì 7 Dicembre 2022

Il greenwashing dietro la cattura del carbonio emerge da un primo rapporto

Un impianto per la produzione di idrogeno blu firmato Shell, con annesso sistema di cattura del carbonio, è finito nel mirino dell’Ong Global Witness. La multinazionale petrolifera, al riguardo, decantava una rimozione di gas serra attorno al 90%. Invece – secondo le stime dell’organizzazione – non si è andati oltre il 48% di emissioni catturate. L’impianto in questione è uno dei pochi al mondo per la produzione di idrogeno fossile che, come previsto, sfrutta un sistema di cattura del carbonio. Il progetto si chiama Quest ed è stato presentato come un baluardo della transizione ecologica. Ma se le valutazioni di Global Witness venissero confermate, questo avrebbe la stessa impronta di carbonio di 1.2 milioni di auto a benzina.

L’impianto della Shell, situato ad Alberta, in Canada, produce idrogeno mediante lo Steam Methane Reforming (SMR). Il processo, il più comune allo scopo, consiste nello scaldare il gas naturale con del vapore fino ad ottenere una miscela di monossido di carbonio e idrogeno. L’intero procedimento genera anche gas ad effetto serra che dovrebbero essere però rimossi dal Sistema di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS). Secondo i dati della Shell, questo avrebbe risparmiato all’atmosfera l’80% delle emissioni generate dallo SMR. Tuttavia – come spiega l’organizzazione – il processo in questione rappresenta solo il 60% delle emissioni complessivamente generate dall’intero impianto. Un altro 40%, infatti, proviene dal cosiddetto ‘vapore di scarto’ – flue gas – che non viene per nulla rimosso dal CCS. «La promozione dell’idrogeno fossile da parte delle compagnie petrolifere – ha dichiarato Dominic Eagleton, responsabile senior della campagna sul gas di Global Witness – è una foglia di fico che permette loro di portare avanti l’estrazione e la combustione dei combustibili fossili. Il modo migliore per aziende come la Shell di aiutare ad affrontare la crisi climatica è quello di eliminare gradualmente tutte le operazioni legate a gas e petrolio, piuttosto che trovare modi per nascondere la loro attività dannosa per il clima dietro false soluzioni». Giusto per rendere l’idea: mentre la Shell afferma di aver catturato 5 milioni di tonnellate di gas ad effetto serra nel suo impianto canadese in meno di cinque anni, ne ha emesse, nello stesso periodo, altre 7.5 milioni qua e là.

Il rapporto, sebbene non abbia la stessa validità di una ricerca scientifica sottoposta a revisione paritaria, conferma i timori iniziali. Infatti, sono già numerosi gli studi che demoliscono le potenzialità sostenibili del cosiddetto idrogeno blu. Ad esempio – secondo uno dei più recenti – l’impatto di quest’ultimo, in termini di gas climalteranti, sarebbe del 20% maggiore di quello derivante dalla combustione di gas naturale o perfino del carbone. Ad ogni modo, anche i calcoli di Global Witness – basati sui dati pubblicati dalla stessa Shell e dal Pembina Institute, tra i principali gruppi di esperti canadesi sull’energia – potrebbero stimolare ulteriori studi in questo senso. Si spera – come auspica da tempo la comunità scientifica – che la farsa dell’idrogeno fossile finisca presto.

[di Simone Valeri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. come sempre abbiamo davanti il problema dei SOLDI!!.. sono gli unici cui interessa mirare a queste grandi multinazionali e non di certo ad una tutela dell’ambiente puntando su combustibili green… Anche le deforestazioni avvenute negli ultimi decenni, ovunque nel mondo, e la dolosa volontà di non andare a piantumare nuovamente, zone che necessiterebbero di esserlo, va ad aggravare la percentuale di CO2 a livello mondiale.
    Possiamo asserire perciò che, se vogliamo davvero salvare il mondo, in primis si dovrebbe obbligare i grandi gruppi industriali e finanziari a mettersi in regola e non a scaricare il problema sull’uomo, sugli allevamenti di bestiame…. (per la cronaca, in Groenlandia è avvenuta una nevica stratosferica, con un quantitativo di neve caduta al suolo pazzesco..si parla di tonnellate, alla faccia del surriscaldamento)

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI