domenica 25 Settembre 2022

Internet of Things, ovvero la vita digitale che verrà

Ultimamente si è parlato molto di criptovalute, NFT, Web3 e, soprattutto, metaverse, tuttavia esiste un ulteriore elemento “futuristico” della digitalizzazione, un elemento che è già ora parte integrante della nostra vita, seppure in maniera ancora estremamente grezza: l’Internet of Things (IoT) ovvero l’“internet delle cose”.
Cos’è lo IoT
Nel suo Ubik, l’autore di fantascienza Philip Dick descrive un futuro dalle tinte paradossalmente obsolete in cui lo squattrinato protagonista intavola un dibattito con la porta del suo stesso appartamento. Questa gli intima con voce artificiale di pagare ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

6 Commenti

  1. Da questo periodo distopico l’uomo emergerà più umano e si libererà di tutte le tecnologie inutili per la sua felicità e completa realizzazione, che in questo momento lo stanno rendendo uno schiavo.
    Non c’è un alternativa: o questo o la fine dell’umanità.

  2. Articolo ben fatto, come al solito. Costruito con professionalità ed onestà giornalistica che lo pone in una posizione di equilibrio, aprendo questioni piuttosto di darne sentenze in risposta, con attenti esempi citati, come al solito, però per me il lettore non ci sono molti dubbi su le volontà commerciali sul ruolo dei legislatori o la parte che giocheranno i consumatori, e tuttalpiù sulle volontà che costruiscono e dirigono questo schema. Transumanesimo, klaus schwab per informarsi, e oltre guardare dentro di sé.

    • Da questo periodo distopico l’uomo emergerà più umano e si libererà di tutte le tecnologie inutili per la sua felicità e completa realizzazione, che in questo momento lo stanno rendendo uno schiavo.
      Non c’è un alternativa: o questo o la fine dell’umanità.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI