martedì 17 Maggio 2022

UE, sentenza storica per coppia stesso sesso con figli: è nucleo famigliare

La Corte di Giustizia Europea, con una sentenza storica, ha riconosciuto il diritto a genitori dello stesso sesso e ai loro figli di costituire nucleo famigliare in tutti gli Stati membri dell’Unione. In particolare, se la relazione tra un genitore e un figlio è riconosciuta in uno Stato dell’UE allora questo dovrebbe avvenire in ogni Stato membro, per permettere la libera circolazione del bambino. La sentenza ha riguardato il caso di Sara, nata a Gibilterra da una coppia di donne registrate entrambe in Spagna come madri, di origine bulgara e inglese. Nessuno di questi Paesi avrebbe concesso la cittadinanza alla bambina, che quindi rischiava l’apolidia. La Corte Europea ha stabilito che gli Stati membri riconoscano la relazione genitore-figlio, affinchè le madri possano avere un documento che permetta loro di viaggiare con la bambina.

Ultime notizie

Irlanda, il Paese dove si arena la protezione dei nostri dati

Il General Data Protection Regulation (GDPR) dell’Unione Europea è entrato in azione il 28 maggio 2018 e avrebbe dovuto...

Sentenza: la sospensione degli insegnanti non vaccinati è da considerarsi illegittima

"Le domande delle parti ricorrenti che avevano quale presupposto la dichiarazione di illegittimità dei provvedimenti di sospensione impugnati, in...

Le elezioni scuotono il Libano: Hezbollah perde la maggioranza

Secondo i risultati ufficiali delle elezioni parlamentari che si sono tenute domenica 15 maggio in Libano, il gruppo sciita...

La TAV non si farà mai? Secondo i francesi Macron ha abbandonato il progetto

La realizzazione del progetto della linea TAV rischia di concludersi in un nulla di fatto. Il motivo, per una...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI