giovedì 19 Maggio 2022

Nella finanziaria spunta un emendamento che riduce le tasse a Philip Morris

Quattro parlamentari leghisti hanno presentato un emendamento alla finanziaria per eliminare l’incremento progressivo dell’incidenza fiscale per il 2022 e il 2023 applicata al tabacco riscaldato. Si tratta di un settore nel quale la Philip Morris International (PMI) gioca il ruolo di leader mondiale. Il tutto a poco più di un anno dall’inchiesta, ancora aperta, che ha rivelato il legame tra Philip Morris e la Casaleggio Associati e i numerosi benefici fiscali dei quali ha goduto di conseguenza la multinazionale del tabacco, elargiti dal primo governo giallo-verde di Conte.

A presentare l’emendamento alla finanziaria sono quattro parlamentari della Lega: Faggi, Ferrero, Testor e Tosato. Ne dà notizia il Riformista, autore poco più di un anno fa dell’inchiesta che aveva portato alla luce il legame tra il colosso dell’industria del tabacco Philip Morris e la Casaleggio Associati, la società operante per il M5S che ha sviluppato la piattaforma Rousseau. Dall’inchiesta era emerso come PMI avesse versato oltre due milioni di euro nelle casse della Casaleggio Associati per alcune consulenze. A queste operazioni erano corrisposti importanti benefici fiscali per PMI, concessi dall’allora governo di coalizione Lega-M5S guidato da Giuseppe Conte.

La storia sembra tornare a ripetersi, questa volta grazie al partito di Salvini. A giudicare se l’emendamento sia attuabile sarà infatti il sottosegretario del Ministero dell’Economia e della Finanza, Federico Freni, il quale di recente ha sostituito il leghista Durigon nell’incarico e che ha stretti legami con Salvini e il suo partito.

Il leader della Lega Matteo Salvini avrebbe stimato, in caso di approvazione dell’emendamento, una perdita dello Stato di “appena 55 milioni”: secondo il Riformista la cifra ammonterebbe almeno a 75 milioni di euro per il 2022 e 150 per il 2023, considerato che il tasso di crescita del tabacco riscaldato si aggira intorno al 60% su base annua. Anche considerando un tasso di crescita più basso, le cifre sarebbero comunque molto più alte di quelle suggerite dal leader della Lega. Una perdita che va a intaccare direttamente le tasche dello Stato e, di conseguenza, dei cittadini.

Nemmeno la crisi innescata dalla pandemia è riuscita a intaccare il potere della lobby. Nel 2020 viene infatti bocciato dal Governo l’emendamento presentato da Cittadinanza attiva e firmato da numerosi parlamentari che proponeva il rialzo delle tasse sul tabacco riscaldato e la creazione di un fondo cospicuo a sostegno della sanità, messa fortemente in crisi dalla pandemia da covid-19.

Secondo quanto riporta il Riformista nello stesso periodo l’Università di Bologna ha diffuso uno studio che rivelava che nel tabacco usato per le sigarette elettroniche Philip Morris erano contenute sostanze cancerogene. L’informazione è stata prontamente accantonata dal Governo, che ha evidentemente preferito schierarsi per gli interessi della lobby del tabacco. La quale, con un esborso di poco più di due milioni di euro (una cifra esigua per una multinazionale della portata di PMI) ha avuto la meglio sul diritto alla salute dei cittadini.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. La LEGA, attraverso i suoi attori, non perde ormai occasione di dimostrasi un partito che non ha più nessuna coerenza con quanto la portata ad essere un partito nazionale, indipendentemente che sia un partito che può piacere o meno però questa continua sudditanza, mettendosi ormai sempre proni ai poteri forti, spero che in un breve futuro dove si riuscirà ad andare a votare che una simile ormai inutilità per gli italiani possa essere cancellata dalla lista dei partiti votabili.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI