venerdì 12 Agosto 2022

La Nuova Zelanda lancia la coalizione contro i robot killer

Mezzi blindati dotati di cannoni, droni volanti che si lanciano a grande velocità contro i nemici in fuga, battelli senza equipaggio che circondano natanti in movimento: questo è il fosco panorama delle armi autonome odierne, un panorama che è reso ancora più claustrofobico dal fatto che i Governi coinvolti si dimostrano restii a discutere nuovi trattati che vadano a normare l’applicabilità di questi ancora inusuali strumenti bellici.

Nell’oceano di maliziosa ignavia, si erge come un’anomalia la Nuova Zelanda, nazione che ha orgogliosamente dichiarato di voler combattere la diffusione e l’utilizzo dei cosiddetti “killer robot”. Phil Twyford, Ministro del Disarmo e del Controllo delle Armi, ha evidenziato come il delegare la responsabilità degli omicidi a delle macchine sia esplicitamente in opposizione agli «interessi e ai valori» della nazione, tacitamente creando una bilancia etica su cui soppesare le motivazioni dei Paesi maggiormente belligeranti.

Nonostante una fetta significativa del mondo accademico stia infatti chiedendo l’imposizione di limiti alle armi autonome e all’uso militare delle intelligenze artificiali, le Amministrazioni che più si dicono preoccupate dei killer robot – Cina, Russia e Stati Uniti su tutte – sono anche quelle che vi dedicano maggiori risorse, considerandone lo sviluppo un vero e proprio «imperativo morale». In sostanza, le principali avanguardie militari sostengono la necessità di portare avanti la ricerca bellica proprio come forma di difesa dalla tecnologia automatizzata altrui, cosa che crea un circolo vizioso che ha il retrogusto della corsa alle armi.

Inutile dire che la Nuova Zelanda non possiede di per sé l’incisività diplomatica necessaria a piegare le posizioni delle grandi potenze, tuttavia lo scenario che si prospetta è quello di una «coalizione di Stati, di esperti e della società civile» a cui Wellington vorrebbe presiedere. Twyford non è infatti il primo a esprimersi avversamente ai killer robot, tuttavia la sua voce intensifica non poco le potenzialità di un coro che fino a oggi si è dimostrato pressoché inerme, con il risultato che si potrebbero presto aprire diverse strade diplomatiche alternative ai confronti ospitati dalle Convention on Conventional Weapons (CCW).

Già si parla di un possibile trattato che potrebbe o meno cadere in seno alle Nazioni Unite. Una legge internazionale generata da un processo indipendente potrebbe coinvolgere un bacino maggiore di Governi, molti dei quali – non possedendo armi autonome – sarebbero ben felici di appoggiare standard severi sull’applicazione degli strumenti presi in analisi. D’altro canto, una più lenta e complessa contrattazione dell’Assemblea Generale ONU avrebbe la possibilità di garantire delle linee guida maggiormente solide e rilevanti sul piano della politica internazionale. Tra le due opzioni, la prima sembra fornire ai detrattori dei killer robot concrete opportunità di successo, con gli osservatori che teorizzano un accordo che possa somigliare al trattato di Ottawa, trattato che impone un giro di vite alle mine antiuomo, ma che Cina, Russia e Stati Uniti si sono ben visti dal firmare.

La lotta neozelandese contro le armi autonome è appena iniziata, ma la nazione ha una lunga storia di battaglie per la demilitarizzazione ed è ormai abituata a litigare con l’alleato statunitense per questioni di armamenti; la possibilità che la “discesa in campo” di Wellington sia in grado di avviare un percorso di regolamentazione dei killer robot è reale, ora non resta che trovare qualcuno che possa farsi garante diplomatico di una normativa che soffochi le manovre militari spaziali.

[di Walter Ferri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI