domenica 28 Novembre 2021

Il governo ha approvato il “Super green pass” e nuovi obblighi vaccinali

È arrivato pochi minuti fa il via libera da parte del Consiglio dei Ministri all’introduzione di nuove norme restrittive sulla certificazione verde. Le nuove regole devono essere ancora diffuse in tutti i dettagli, ma appare certa la presenza di: divieto di accesso a palestre, cinema e teatri per i non vaccinati; diminuzione della validità del green pass ottenuto previa vaccinazione da 12 a 9 mesi; obbligo vaccinale per tutto il comparto dell’istruzione, della difesa e della sicurezza. La misura è stata votata all’unanimità, voto favorevole anche da parte della Lega, rimasta critica fino alla fine ma come prevedibile rientrata nei ranghi al momento del voto. Il “super green pass” è stato approvato per una durata che andrà dal 6 dicembre al 15 gennaio (ma sarà prorogabile). In serata è attesa la conferenza stampa del premier Draghi per spiegare il provvedimento. Di seguito i dettagli contenuti nella bozza:

  • Il “super green pass” sarà attivo anche in zona bianca, ma solo da 6 dicembre al 15 gennaio (misura ribattezzata “salva Natale” e che sarà prorogabile). In zona arancione e rossa dovrebbe rimanere anche in seguito.
  • Il tampone negativo continuerà a consentire l’ingresso sul posto di lavoro, ma ai non vaccinati sarà negato l’accesso a molte luoghi pubblici come bar, stadi, ristoranti, alberghi e palestre (dove si potrà accedere solo con green pass valido ottenuto in qualità di vaccinati o guariti dal virus). Dovrebbero rimanere accessibili con tampone i trasporti a lunga percorrenza.
  • Non cambiano le restrizioni previste per zone arancioni e rosse: in zona rossa le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, vaccinati compresi. Dalla zona gialla rimarrà l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, sempre per tutti.
  • L’obbligo vaccinale sarà esteso anche ai lavoratori del comparto dell’istruzione, dell’interno e della sicurezza: quindi, verosimilmente, professori, militari, agenti di polizia, da chiarire se anche per il personale ausiliario dei comparti in questione. Rimane in vigore l’obbligo vaccinale per sanitari e operatori delle RSA, che sarà allargato anche alla terza dose.
  • Sarà messo in campo un sistema rafforzato di controlli. Entro cinque giorni dall’entrata in vigore i prefetti, previa consultazione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, dovranno adottare il nuovo piano dei controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia. Dovranno inoltre presentare periodiche relazioni sui controlli svolti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati