lunedì 17 Gennaio 2022

Internet è un luogo sempre meno sicuro per gli attivisti? Il caso ProtonMail

Lunedì 6 settembre 2021, un giovane francese, attivista per il clima presso il gruppo Youth for Climate, è stato arrestato. Il servizio di posta elettronica che utilizzava, il super-criptato ProtonMail, ha consegnato il suo indirizzo IP alle autorità francesi. Queste ultime stavano conducendo un'indagine su alcuni militanti che avevano occupato degli immobili a Parigi. Un atto che, dal punto di vista degli attivisti, era una protesta contro la gentrificazione del quartiere e il conseguente aumento degli affitti. L'evento ha fatto molto scalpore, soprattutto tra i molti attivisti che usano Prot...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Rilevo che se si vuole la privacy totale è necessario nascondere anche IP utilizzando Thor o un altro servizio similare attraverso una VPN. ‘C’è un server onion anche di Protonmail, se l’attivista avesse utilizzato questo sistema anche il suo IP sarebbe stato molto più protetto.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Ultimi

Correlati