venerdì 12 Agosto 2022

I cibi sani che si possono acquistare (anche) al supermercato

Spesso associamo l’idea di supermercato a quella di cibo industriale e poco salutare, ma non sempre le cose stanno in questo modo. Con le giuste conoscenze sull’alimentazione corretta chiunque può acquistare alimenti di qualità anche all’interno di supermercati e centri commerciali. Non tutto è cattivo e da buttare via insomma, anche se mediamente il supermercato non è il luogo dove acquistare il cibo salutare. Se nello scorso articolo abbiamo parlato di come l'industria alimentare abbia cambiato i cibi che mangiamo, oggi invece affrontiamo il tema opposto: quali sono i cibi di qualità che pos...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

  1. Complimenti per l’articolo molto chiaro e approfondito. Vorrei solo aggiungere, riguardo il riso integrale, l’importanza di sceglierlo di provenienza biologica. Ciò vale per tutti i cereali integrali poiché gli eventuali pesticidi si concentrano sulla parte esterna del chicco.

  2. Grazie per l’articolo, molto interessante. Non per criticare vi assicuro, ma solo a titolo informativo, vorrei aggiungere alle informazioni relative al cioccolato, che la moderna scienza della nutrizione sta superando l’obsoleto concetto delle calorie e del carico calorico degli alimenti, sostituendolo con quello invece dell’impatto glicemico e del carico glicemico. Per approfondimenti rimando agli scritti di Michel Montignac in merito al concetto dell’Indice Glicemico e conseguente percorso di dimagrimento che si ottiene, mantenendo una glicemia stabile. Fatto quest’ultimo, cioè quello di mantenere una glicemia stabile, che porta grande salute a tutti, non solo a chi deve stare attento alla glicemia. Concludo affermando che il cioccolato fondente oltre il 70% di cacao, oltre a tutti gli ottimi benefici descritti bene nell’articolo, grazie al burro di cacao (grasso buono) e alla bassa percentuale di zucchero, si può considerare un alimento a basso impatto glicemico. Mi raccomando però: biologico e senza lecitina di soia.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI