sabato 19 Giugno 2021

Un rapporto svela la relazione perversa tra lobby del farmaco e Unione Europea

Era il 4 maggio 2020 quando la presidente della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen, rassicurava i cittadini europei affermando: «La risposta globale al coronavirus deve includere anche la società civile e la comunità globale dei cittadini. E questa sarà la prossima pietra miliare di questa maratona». Eppure, a un anno di distanza, dagli archivi pubblici degli incontri intrattenuti dalle autorità europee sull'emergenza coronavirus emerge un dato chiaro: i Commissari europei hanno incontrato quasi esclusivamente i lobbisti delle Big Pharma. Talmente potenti da aver collocato propri ex stipendia...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Accedi alla campagna di c
rowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati
  • MONTHLY REPORT: speciale mensile in formato PDF con inchieste ed esclusive