sabato 27 Novembre 2021

Gli ambientalisti hanno salvato parte della foresta Maya, acquistandola

Le foreste sono vitali per il nostro pianeta. Oltre a contribuire alla tutela della biodiversità ospitando tantissime specie di animali, riducono gli effetti dei cambiamenti climatici e delle catastrofi naturali. Queste immense distese verdi forniscono materie prime, cibo e mezzi di sussistenza per tantissime popolazioni indigene, e fungono anche da polmoni della Terra, perché in grado di stoccare ingenti quantità di anidride carbonica. Purtroppo però, l’avidità dell’uomo le distrugge e le brucia, contribuendo a un danno ambientale irreversibile.

Danno, che in Belize alcune organizzazioni ambientaliste locali hanno voluto esorcizzare, comprando una parte della Selva Maya. Situata tra Belize, Guatemala e Messico, è la più grande foresta tropicale del Mesoamerica. Si parla di oltre 4 milioni di ettari di aree protette, le quali ospitano circa venti ecosistemi diversi e 600 mila individui di vari gruppi indigeni. In questo paradiso di biodiversità c’è un ulteriore punto preziosissimo, ma allo stesso tempo “tallone di Achille”: il Maya Forest Corridor. Si tratta di un collegamento tra le aree montuose e quelle forestali, il quale garantisce la sopravvivenza di molte specie di fauna selvatica, tra cui alcune a rischio estinzione. Questo “corridoio” però, negli ultimi dieci anni è stato ridotto del 65% a causa della deforestazione, il cui tasso è quadruplicato rispetto alla media del Belize, principalmente per fare spazio alle coltivazioni intensive.

Per questo motivo, gli ambientalisti hanno deciso di comprare 95 mila ettari di foresta, inizialmente appartenente a una società statunitense privata. Quando l’area è stata messa in vendita, una quindicina di organizzazioni, tra cui Global Wildlife Conservation, ha deciso di acquistarla per preservarla. L’annuncio è stato diramato proprio il 22 aprile, in occasione della Giornata della Terra. La nuova area protetta si aggiunge a quella della riserva del Rio Bravo, sotto la protezione di The Nature Conservancy.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati