martedì 13 Aprile 2021

Lavoro minorile e deforestazione: i lati oscuri di una tavoletta di cioccolata

La lavorazione del cacao nelle piantagioni è una delle maggiori cause di sfruttamento minorile e della deforestazione principalmente in Africa. Un mercato mondiale da 123 miliardi di dollari l’anno che non guarda in faccia nessuno. Secondo i dati dell’Ong Slave Free Chocolate un quarto dei minorenni che vivono in Africa occidentale vale a dire quasi 3 milioni, vengono sfruttati  per lavorare senza sosta nelle piantagioni di cacao, trasportando pesanti carichi nella totale insicurezza, respirando pesticidi e fertilizzanti nocivi utilizzati per aumentare la produttività. L’International Cocoa Initiative ha confermato che lo sfruttamento minorile delle piantagioni di cacao con la recente pandemia e la conseguente crisi economica è aumentato del 21%.

Oltre al totale sfruttamento, alle violazioni dei diritti umani e ad una rapidissima deforestazione, la filiera delle multinazionali del cacao contribuisce all’emissione di  milioni di tonnellate di gas serra. Il 70% di tutta la produzione mondiale del cacao si concentra in Ghana, Costa d’Avorio, Sierra Leone e Camerun dove le foreste scompaiono a ritmo di 4,2% all’anno. Un’inchiesta del Guardian denuncia che tra il 2001 e il 2014 in Ghana sono stati distrutti oltre 290.000 ettari di aree naturali protette e 7.000 kmq di selva. La Costa d’Avorio da sola, nel 2014, ha perso 328.000 ettari di foresta. Secondo alcune stime a causa del riscaldamento globale e della crescente e sfrenata richiesta di cioccolato, nel 2050 in Africa non ci saranno più piantagioni di cacao.

I commenti alle notizie sono disponibili solo agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Abbonati / Sostieni

Accedi alla campagna di crowdfunding in corso

Ultimi

Correlati