fbpx
giovedì 21 Ottobre 2021

Lavoro minorile e deforestazione: i lati oscuri di una tavoletta di cioccolata

La lavorazione del cacao nelle piantagioni è una delle maggiori cause di sfruttamento minorile e della deforestazione principalmente in Africa. Un mercato mondiale da 123 miliardi di dollari l’anno che non guarda in faccia nessuno. Secondo i dati dell’Ong Slave Free Chocolate un quarto dei minorenni che vivono in Africa occidentale vale a dire quasi 3 milioni, vengono sfruttati  per lavorare senza sosta nelle piantagioni di cacao, trasportando pesanti carichi nella totale insicurezza, respirando pesticidi e fertilizzanti nocivi utilizzati per aumentare la produttività. L’International Cocoa Initiative ha confermato che lo sfruttamento minorile delle piantagioni di cacao con la recente pandemia e la conseguente crisi economica è aumentato del 21%.

Oltre al totale sfruttamento, alle violazioni dei diritti umani e ad una rapidissima deforestazione, la filiera delle multinazionali del cacao contribuisce all’emissione di  milioni di tonnellate di gas serra. Il 70% di tutta la produzione mondiale del cacao si concentra in Ghana, Costa d’Avorio, Sierra Leone e Camerun dove le foreste scompaiono a ritmo di 4,2% all’anno. Un’inchiesta del Guardian denuncia che tra il 2001 e il 2014 in Ghana sono stati distrutti oltre 290.000 ettari di aree naturali protette e 7.000 kmq di selva. La Costa d’Avorio da sola, nel 2014, ha perso 328.000 ettari di foresta. Secondo alcune stime a causa del riscaldamento globale e della crescente e sfrenata richiesta di cioccolato, nel 2050 in Africa non ci saranno più piantagioni di cacao.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati