domenica 3 Luglio 2022

Da 500 anni stiamo ancora cercando di disegnare una mappa della Terra attendibile

Fu il matematico del XVI secolo Gerardo Mercatore, il primo a realizzare un planisfero dopo aver inventato il sistema di proiezione cartografica della Terra. Eppure, la proiezione del cartografo, distorce drasticamente le dimensioni e la forma dei continenti e, tutt’oggi, non si ha un metodo preciso di rappresentazione. Dopo numerosi tentativi, un gruppo di ricercatori dell’Università di Princeton – con a capo il professore di astrofisica J. Richard Gott-, ha sviluppato una nuova proiezione cartografica che mostra il nostro pianeta nel modo più accurato possibile. Gli studiosi hanno utilizzato una proiezione azimutale equidistante, la quale rappresenta i due emisferi terrestri separati l’uno dall’altra. La mappa riporta l’Antartide e l’Australia, gli oceani e le distanze tra i poli, in modo molto più accurato rispetto alla maggior parte delle altre mappe.

Infatti, il sistema cartografico di Mercatore – tutt’oggi presente nelle scuole e utilizzato da Google Maps così come da altri servizi online – presenta diversi errori. Il primo riguarda l’Alaska che, rappresentata grande quanto gli Stati Uniti, in realtà corrisponde ad un terzo di questi. Il secondo, vede la Groenlandia più o meno delle stesse dimensioni dell’Africa ma, quest’ultima, è ben 14 volte più grande. Anche l’Europa – escludendo la Russia – appare un po’ più grande del Sud America, eppure questo è il doppio del continente europeo. Infine l’Antartide, che sembra molto grande, in realtà è il secondo continente più piccolo della Terra.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI