martedì 29 Novembre 2022

Lo stato italiano chiede verità per Regeni, ma ha appena venduto altre armi all’Egitto

L’Italia e tutta l’Europa continuano ad armare il regime egiziano di Al Sisi, lo stesso che a parole viene criticato per la repressione del dissenso e verso il quale le istituzioni italiane continuano, almeno a parole, ad esigere la liberazione di Patrick Zaki nonché verità e giustizia per la morte di Giulio Regeni. L’ultima commessa è per 50 missili da crociera a lungo raggio SCALP, dal costo unitario di 1,35 milioni di euro, testati per i cacciabombardieri egiziani e con un raggio d’azione fino a 500 km. L’affare – reso noto con una pubblicazione dal Jane’s Information Group, editore britannico specializzato in informazioni militari – è stato portato a termine tra governo egiziano e il consorzio industriale Mbda, azienda missilistica europea il cui 25% delle azioni è di proprietà di Leonardo Company (società italiana il cui socio di maggioranza è il ministero del Tesoro, quindi lo stato italiano).

Secondo la relazione del maggio 2020, presentata alla camera, l‘Egitto negli ultimi 4 anni è stato il primo paese per numero di armi acquistate in Italia, con una cifra pari a 871 milioni di euro. A seguito del caso Regeni l’Italia aveva fermato l’export di armi verso l’Egitto, ma dal 2018 questo è ripreso a pieno ritmo. Alcune riviste specializzate precisano che la spedizione degli armamenti in questione fa parte di una commessa più ampia che ammonterebbe a oltre 100 unità.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI