venerdì 9 Dicembre 2022

Spagna, notte di proteste contro l’arresto di Pablo Hasél: il governo cambierà la legge

Proseguono in diverse città spagnole le proteste contro la detenzione del rapper Pablo Hasél, condannato a nove mesi di carcere per reati di opinione, ovvero aver scritto nei suoi testi parole che i giudici hanno interpretato come “esaltazione del terrorismo” e “ingiurie alla corona”. Ieri sera centinaia di persone si sono trovate a chiedere il suo rilascio nelle strade della capitale Madrid, ma le proteste più imponenti sono state in Catalogna, con imponenti cortei a Barcellona, Girona e Lleida. la città dove il rapper è stato arrestato. Ancora una volta la polizia spagnola ha reagito con durezza alle proteste: a Madrid, dopo aver cercato di chiudere le vie di accesso alla piazza per evitare che il numero dei manifestanti crescesse, la guardia civil ha effettuato 14 arresti. Imponente il corteo di Barcellona, ​​dove i manifestanti hanno innalzato barricate, gli arresti sono stati almeno 22 e una ragazza ha perso un occhio.

Nel frattempo la politica spagnola sta cercando di calmare le acque, e come sempre in questi casi (ad esempio in occasione delle proteste di massa in Francia contro la legge di sicurezza globale) si dimostra che la lotta di piazza riesce a raggiungere risultati tangibili. La vice premier spagnola,  Carmen Calvo, ha dichiarato che il governo intende cambiare la legge affinché la libertà di espressione non comporti più la privazione della libertà.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI