giovedì 11 Agosto 2022

Il viaggio dei batteri patogeni: dalle microplastiche alle cozze, fino alla nostra tavola

I batteri che colonizzano i rifiuti plastici in mare potrebbero entrare nella catena alimentare attraverso i frutti di mare. Lo ha evidenziato uno studio condotto dall’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con l’Università di Sousse. I ricercatori hanno indagato la presenza di microplastiche e di batteri in campioni d’acqua del Mar Mediterraneo e in campioni di molluschi, come cozze e vongole. I risultati della ricerca, pubblicata sul Journal of Hazardous Materials, hanno sottolineato la presenza di significative quantità di microplastiche nelle cozze. Ma non solo. Le microplastiche, inoltre, trasporterebbero batteri patogeni che hanno un effetto tossico sui molluschi, come indicato dalla loro risposta immunitaria. Per una valutazione in termini di rischio alimentare per l’uomo – precisano i ricercatori – sono però necessari ulteriori studi.

L’accumulo di rifiuti plastici negli ambienti marini è sempre più una questione cruciale. Il Mar Mediterraneo, seppur rappresenti solo l’1% delle acque mondiali, si stima che contenga il 7% della microplastica marina. E tra tutti i frutti di mare, i molluschi come cozze, ostriche e capesante sono quelli con i più alti livelli di contaminazione da microplastiche. “Mentre la tossicità per gli organismi acquatici è abbastanza ben esplorata – spiegano i ricercatori – si sa ben poco sul ruolo che la plastica ha nel plasmare la struttura della comunità batterica in condizioni marine e sulla sua possibile trasmissione all’uomo”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI