sabato 2 Luglio 2022

Bus elettrici, Italia ferma al palo: investe ancora tutto su quelli a diesel

La transizione green del nostro paese sta rallentando, gli autobus che circolano in Italia sono vecchi e inquinanti. Stiamo continuando a investire su combustili fossili e tecnologie obsolete, nonostante gli altri paesi europei si stiano dotando di mezzi elettrici, puntando sulla mobilità sostenibile. Secondo uno studio di Transport & Environment, i due terzi dei nuovi autobus immatricolati in Danimarca, Lussemburgo e Olanda nel 2019 sono a zero emissioni. Al secondo posto, troviamo la Svezia, Norvegia e Finlandia che hanno raggiunto una quota pari al 25% di autobus elettrici. L’Italia, la Polonia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna e la Francia rimangono molto arretrati: nel 2019 la loro quota di bus a emissioni zero è stata inferiore al 10%.

In Italia nel 2019 sono stati immatricolati solo 63 bus elettrici e a idrogeno. “L’Italia spende ancora poco in favore dell’elettrico, con solo il 5,4% dei bus a zero emissioni”, spiega a Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile in Legambiente. “Si preferisce acquistare mezzi inquinanti perché il prezzo è più basso: uno che va a diesel euro 6 costa sui 300 mila euro, uno l’elettrico invece, attorno ai 420 mila euro”, continua Poggio “con l’emergenza Covid  sono stati estesi i contributi pubblici per l’acquisto di nuovi autobus, anche di quelli a metano o diesel euro 6. Ma se il tpl vuole recuperare quote di mobilità in futuro, deve essere all’avanguardia. Non mancano iniziative locali di questo tipo: Torino, Milano, Bergamo e Cagliari prevedono un trasporto pubblico locale a emissioni zero entro il 2030″.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI