fbpx
venerdì 15 Ottobre 2021

L’Ue dichiara sicuri per l’alimentazione i vermi della farina: presto la produzione

I vermi gialli della farina potrebbero presto essere allevati in tutta Europa per il consumo umano. Questo dopo che l’Agenzia per la sicurezza alimentare dell’UE (EFSA) ha reputato sicure per l’uomo le larve di Tenebrio molitor. Eccetto per le persone con allergie ai crostacei e agli acari, l’insetto è stato infatti definito pienamente commestibile. L’azienda francesce Micronutris, potrebbe quindi iniziare la produzione in serie di alimenti a base di vermi gialli nel giro di pochi mesi. La fase di produzione prevede che le uova vengano inizialmente separate dagli adulti mediante setacciatura. Il processo di post-raccolta include il risciacquo delle larve con acqua e la loro uccisione mediante immersione in acqua bollente. Seguono, infine, la disidratazione nei forni, il confezionamento e lo stoccaggio.

Le principali componenti nutritive degli insetti sono proteine, grassi e fibre. Rappresentano, inoltre, una fonte di cibo potenzialmente sostenibile ed a basse emissioni di carbonio. Non a caso, gli alimenti a base di insetti sono stati a lungo considerati una possibile soluzione per ridurre le emissioni di gas serra nella produzione alimentare. La vendita di questi prodotti è però attualmente vietata in Italia, così come in Francia, Germania e Spagna. La recente valutazione dell’EFSA potrebbe però ribaltare le carte in tavola ed aprire ad una nuova era per il settore alimentare.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati