mercoledì 7 Dicembre 2022

Afghanistan, ordigno su auto uccide 3 giornalisti

Questa mattina Zia Wadan, giornalista afghano e portavoce delle Forze di protezione pubblica del paese (NPPF), è stato ucciso insieme a due colleghi a Kabul. Una bomba è finita contro il loro veicolo. L’omicidio di Zia Wadan, che in precedenza aveva lavorato per diversi media, si aggiunge ad altre uccisioni che stanno scuotendo l’Afghanistan, in particolare la capitale Kabul dove giornalisti, politici e attivisti sono stati sempre più presi di mira nonostante i colloqui di pace tra governo e talebani.

Ultime notizie

L’Ungheria ha bloccato l’invio di nuovi fondi europei all’Ucraina

Alla riunione del Consiglio europeo dei ministri delle Finanze (Ecofin) svoltosi ieri 6 dicembre, gli Stati membri dell’Ue non...

È cominciata la COP15 sulla biodiversità: la natura avrebbe bisogno di impegno concreto

Anche se una si è da poco conclusa, oggi di COP ne comincia un’altra: quella della biodiversità, giunta alla...

La Lombardia premia gli operatori che spingono i cittadini verso la sanità privata

Un premio in busta paga per chi riesce a convincere un paziente a rivolgersi alla sanità privata piuttosto che...

Germania, decine di arresti nella notte: “pianificavano un colpo di stato”

Notte movimentata in Germania, e non solo. Il Militärischer Abschirmdienst, MAD, che è il Servizio di controspionaggio militare tedesco...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI