fbpx
domenica 24 Ottobre 2021

Un quinto della popolazione mondiale vive in territori che rischiano di sprofondare

Secondo una nuova ricerca finanziata dall’Unesco, la subsidenza, o il progressivo affondamento della terra, potrebbe colpire il 19% della popolazione mondiale entro il 2040. Se non verrà intrapresa alcuna azione, le attività umane, combinate con la siccità e l’innalzamento del livello del mare, potrebbero mettere molte delle città costiere a rischio di gravi inondazioni.

Negli ultimi anni, ad esempio, Jakarta è affondata di oltre 2,5 metri, portando il governo indonesiano a fare piani per trasferire la capitale del Paese. In Europa, la subsidenza è responsabile del posizionamento del 25% dei Paesi Bassi sotto il livello del mare. In Iran, la popolazione è più che raddoppiata negli ultimi 50 anni, mentre il pompaggio delle acque sotterranee è rimasto non regolamentato. Le città del paese sono ora tra i centri urbani che affondano più velocemente al mondo (fino a 25 cm all’anno).

Sebbene la subsidenza sia una minaccia comune per l’ambiente globale, potrebbe essere risolta molto più facilmente del cambiamento climatico. Le tecnologie, come i satelliti e i radar, potrebbero identificare rapidamente le aree di cedimento, mentre “semplici politiche e strumenti” potrebbero essere utilizzati dalle autorità locali. Come è accaduto a Tokyo. Il Paese aveva avuto un grosso problema di cedimento nella prima parte del secolo scorso. Così il governo ha implementato le normative sulle acque sotterranee ed ha risolto il problema.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati