sabato 2 Luglio 2022

Un terzo dei siti patrimonio dell’umanità sono in grave pericolo

Il cambiamento climatico, minaccia 11 dei 16 (68%) siti australiani del patrimonio mondiale; più del doppio di una tendenza globale del 33%. Lo afferma l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) nel suo ultimo rapporto, definendo il cambiamento climatico la minaccia più concreta per il fenomeno marino australiano e non. A seguito degli eventi di sbiancamento dei coralli del 2016, 2017 e 2020, infatti, la Grande Barriera Corallina ha avuto un drastico calo. L’IUCN ha anche abbassato la valutazione di 4 aree del patrimonio mondiale australiano: le Blue Mountains, le foreste pluviali del Gondwana, Shark Bay e la costa di Ningaloo.

L’IUCN è il consulente ufficiale sulla natura del Comitato del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il suo rapporto utilizza le opinioni di esperti internazionali che considerano i valori naturali dei siti del patrimonio mondiale, valutando al contempo quanto siano ben protetti dalle minacce attuali e future.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI