mercoledì 28 Settembre 2022

Le dolomiti soffrono un “grave degrado ambientale” a causa del turismo

Le Dolomiti non sono state tutelate da una eccessiva pressione turistica, che ne ha causato un grave degrado ambientale. Lo sostiene il dossier “Dolomiti UNESCO” presentato da Mountain Wilderness e 11 associazioni firmatarie (Amici della Terra, Italia Nostra, Legambiente, Lipu, Federazione Pro Natura, Wwf Dachverband, Lia Natura Y Usanzes, Peraltrestrade Dolomiti Carnia Cadore ed Ecoistituto del Veneto Alex Langer), all’incontro con i tecnici dell’UNESCO e dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Secondo le associazioni, a fronte di un incremento nel turismo avvenuto in seguito al loro riconoscimento, la Fondazione Dolomiti UNESCO e le amministrazioni locali non hanno saputo attuare un piano di gestione sostenibile ed a tutela dell’ambiente montano. UNESCO ed IUCN hanno sottolineato che interagiranno urgentemente con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed il Comitato Italiano UNESCO. I Mondiali di sci alpino che si svolgeranno a Cortina d’Ampezzo (Belluno) nel 2021 e le future Olimpiadi Milano-Cortina 2026, non dovranno aggravare la situazione ed i territori andranno tutelati.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI