fbpx
sabato 25 Settembre 2021

Stupri e violenze nei parchi del WWF, rapporto accusa: non ha fatto nulla per fermarli

Il WWF non è ritenuto direttamente responsabile delle violazioni dei diritti umani perpetrate nei parchi protetti del Bacino del Congo, in India e in Nepal, ma ne era a conoscenza e non ha fatto nulla per fermarle. Lo afferma un rapporto commissionato dallo stesso WWF per indagare sulle accuse rivolte all’organizzazione. I ranger delle aree protette, sostenuti dal WWF, sono stati accusati di aver commesso abusi violenti: assassini, stupri, torture, pestaggi, arresti e detenzioni arbitrarie, invasione di case, distruzioni e furto di proprietà personali. Il rapporto mostra come l’applicazione delle politiche sociali del WWF e dei suoi impegni verso i diritti umani sia stata inconsistente: nonostante fosse a conoscenza delle violenze, il WWF ha continuato a finanziare le ecoguardie.

Il rapporto – che il WWF ha affidato a profili terzi, presieduti dall’ex alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Navi Pillay – era stato commissionato nel 2019, in seguito alle inchieste del quotidiano online BuzzFeed, che aveva confermato le denunce delle fondazioni Rainforest Foundation e Survival International. Le inchieste avevano rivelato che i ranger sostenuti dal WWF in Congo si erano macchiati di stupri di gruppo di donne incinte, un omicidio e vari casi di torture. Inoltre, il WWF aveva cercato di nascondere l’indagine sulle atrocità, chiedendo ai suoi partner di trattare i risultati in “modo non pubblico”.

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati