sabato 2 Luglio 2022

Etiopia, scaduto l’ultimatum ai ribelli Tigrè: il governo lancia “l’offensiva finale”

Il primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed ha dichiarato di aver ordinato al suo esercito di attaccare Macallè, la capitale della regione del Tigrè. La decisione è stata comunicata dopo la scadenza dell’ultimatum di 72 ore che Abiy aveva concesso al Fronte di Liberazione del Tigrè (TPLF) per arrendersi. Il Tplf è la fazione che controlla la regione e che si oppone con la forza al governo centrale da settimane. Stando alle dichiarazioni del Primo Ministro, pare che i combattimenti stiano per volgere al termine. Infatti, dopo l’ultimatum, migliaia di militari e forze speciali si sono arrese.

Il Tigrè è un’area dell’Etiopia che ospita circa 6 milioni di abitanti. La conflittualità con il governo nasce tra il 2018 e il 2019, anno dell’elezione di Abiy Ahmed. In quegli anni al primo ministro riceve anche il Nobel per avere fatto la pace con la vicina Eritrea. Gli riconoscono, inoltre, il merito di avere avviato un processo storico di riforme e democratizzazione. Seppur accusato successivamente di cadere di nuovo nel totalitarismo, il motivo principale dello scontro è un altro: Abiy è accusato dal Tigrè e in particolare dal Fronte di Liberazione, di averli esclusi dal governo federale. Proprio loro che per decenni sono stati la forza dominante in Etiopia.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI