mercoledì 18 Maggio 2022

La plastica è in tutto il pianeta: residui trovati vicino la vetta dell’Everest

Gli scienziati hanno trovato l’inquinamento da microplastiche nella neve del Monte Everest, la vetta più alta del mondo (8.848 m). Lo afferma uno studio, pubblicato sulla rivista One Earth, che ha analizzato i campioni raccolti dal National Geographic nel 2019. Le microplastiche sono state rinvenute in ogni campione di neve raccolto tra i 5.300 e gli 8.440 metri di altezza, con una media di 30 particelle per litro d’acqua. Ovviamente gli scienziati hanno trovato le concentrazioni maggiori intorno al campo base, dove alpinisti ed escursionisti trascorrono più tempo. È molto probabile che le fibre provenissero da indumenti, tende e corde.

Nel 2018 gli scienziati rivelarono di aver trovato i detriti di plastica anche nel punto più profondo della Terra, la Fossa delle Marianne. Ora è chiaro che i rifiuti dell’umanità hanno inquinato l’intero pianeta.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI