fbpx
lunedì 20 Settembre 2021

Caso Regeni: per la prima volta l’Egitto promette piena collaborazione alle indagini

Da ieri, per la prima volta, dopo la telefonata tra il presidente Al-Sisi ed il premier Conte, “l’Egitto coopererà pienamente con le controparti italiane nelle indagini, cercando di giungere alla verità” sul caso di Giulio Regeni. Lo riferisce il portavoce della presidenza egiziana, l’ambasciatore Radi.

I pm di Roma che indagano dal 2016 sull’uccisione di Regeni (ricercatore italiano), ritrovato senza vita lungo l’autostrada nel deserto, tra la capitale egiziana ed Alessandria, notificheranno la chiusura dell’inchiesta entro il 4 dicembre, termine previsto dalla legge. I sospettati del sequestro e dell’omicidio del giovane italiano sono 5 agenti della National Security egiziana. L’Egitto non ha ancora comunicato il domicilio degli indagati, una protezione che adesso dovrà fare i conti con la chiusura delle indagini da parte dei pm romani. Per i 5 agenti verrà chiesto il processo con l’accusa di omicidio, che si celebrerà anche in caso di mancata collaborazione da parte del Cairo. L’ultima occasione per collaborare, per il presidente Al-Sisi che ha sempre proclamato la massima disponibilità, dimostrando, nei fatti, l’esatto opposto.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati