giovedì 19 Maggio 2022

St. Pauli, nuova sfida al calcio globale: magliette autoprodotte e sostenibili

Il St. Pauli ha deciso di produrre da solo l’intera linea di abbigliamento sportivo (55 capi diversi), a partire dalla prossima stagione. Come spiegato in una nota ufficiale, la dirigenza «non ha trovato nessun fornitore in grado di soddisfare pienamente i criteri di sostenibilità, commercio solidale e trasparenza che caratterizzano il St. Pauli». Il club di Amburgo, infatti, si è da sempre dichiarato antifascista ed attento a tematiche relative a integrazione ed ecologia. 

Nella stagione in corso, il St. Pauli milita nella seconda divisione della Bundesliga e al momento si trova al 17° posto in classifica. Fino a quest’anno le maglie erano state create e fornite dall’azienda Under Armour, ma il contratto terminerà nel 2021. Dall’anno prossimo, sui kit comparirà il logo DIIY, acronimo di “Do it, improve yourself” (Fallo, migliora te stesso), che in qualche modo chiarisce qual è stata la strategia del Club.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI