mercoledì 18 Maggio 2022

Biodegradabile ed economica: la nuova plastica dai rifiuti di canna da zucchero e bambù

Gli scienziati della Northeastern University hanno progettato una serie di stoviglie “verdi” a base di rifiuti di canna da zucchero e bambù, che potrebbero essere utilizzate in alternativa a quelle di plastica usa e getta. A differenza della plastica, che necessita anche di 450 anni per degradarsi, questo materiale non tossico ed ecologico richiede solo 60 giorni. Inoltre, il suo processo di produzione emette il 97% in meno di CO2 rispetto a quello delle stoviglie di plastica e il 65% in meno di quello per carta e plastica biodegradabile.

Il prossimo passo per il team è quello di rendere il processo di produzione più efficiente dal punto di vista energetico, riducendone il costo. Anche se il prezzo del nuovo materiale (€ 2 / tonnellata) è due volte inferiore a quello della plastica biodegradabile (€ 4 / t), la plastica tradizionale è ancora leggermente più economica (€ 1,84 / t).

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI