domenica 2 Ottobre 2022

Strage jihadista in Mozambico: 50 persone sgozzate, donne e bambini rapiti

In 3 giorni di violenze più di 50 persone sono state decapitate nel nord del Mozambico, nella provincia di Cabo Delgrado. Jihadisti hanno attaccato villaggi nei distretti di Miudumbe e Macomia uccidendo persone, sequestrando donne e bruciando case.

È dal 2017, quando è cominciata la guerra non dichiarata tra soldati mozambicani e jihadisti di Al-Shabaab, che le violenze continuano senza interventi concreti da parte del governo. Da allora sono state uccise oltre 2.000 persone, in 300.000 sono fuggiti e 712.000 ridotti in condizioni di indigenza.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI