mercoledì 18 Maggio 2022

Libia, ex capo della Guardia costiera arrestato per traffico di migranti verso l’Italia

Un noto trafficante di esseri umani libico, noto come Bija, è stato catturato a Tripoli nel quartiere Hay-al-Andalus ed è ora detenuto dalle forze speciali. L’uomo è stato arrestato questa settimana con l’accusa di aver fatto arrivare migliaia di migranti in Italia e in Europa, mentre lavorava come comandante della guardia costiera libica. Le rivelazioni sull’attività di Bija avevano spinto le Nazioni Unite a sanzionarlo nel 2018. Inoltre l’anno scorso, un’inchiesta aveva documentato la sua presenza in Italia, suscitando critiche nei confronti dell’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti del Pd, che tre mesi prima aveva firmato un memorandum con il leader del governo libico per la cooperazione con la guardia costiera libica. L’accordo ha consentito di intercettare le barche dei migranti e di reindirizzarle in Libia, dove le agenzie umanitarie affermano che i rifugiati subiscono abusi e torture.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI