giovedì 30 Giugno 2022

In soli 25 anni abbiamo perso metà della Grande Barriera Corallina

In Australia, la popolazione di piccoli, medi e grandi coralli, che abitano la Grande Barriera Corallina, è drasticamente diminuita negli ultimi trent’anni. Lo afferma uno studio condotto dagli esperti dell’Arc Centre of Excellence for Coral Reef Studies (CoralCoE). La causa, dicono gli autori del lavoro, è l’aumento della temperatura delle acque, che ha provocato la morte delle alghe, le quali vivono in simbiosi con la barriera e la nutrono, innescando il cosiddetto “sbiancamento dei coralli”.  In particolare, hanno studiato le variazioni nella dimensione e nella distribuzione delle colonie su tutta la lunghezza della Grande Barriera Corallina (oltre 2mila chilometri) tra il 1995 e il 2017, osservando che il numero di coralli di piccole, medie e grandi dimensioni è diminuito oltre il 50%; soprattutto nella specie Acropora florida, la più colpita dal riscaldamento.

Il calo demografico dei coralli ha conseguenze anche per altri abitanti del mare: le strutture che creano sono fondamentali anche per la sopravvivenza di pesci, crostacei e la loro scomparsa provoca una diminuzione a cascata dell’abbondanza dei pesci e quindi anche della produttività della pesca nella barriera corallina.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI