fbpx
venerdì 24 Settembre 2021

Uber Italia commissariata per sfruttamento del lavoro: chiusa l’indagine

I riders che lavorano per Uber Italia sono “pagati a cottimo 3 euro a consegna”, “derubati” delle mance e “puniti” in modo arbitrario. E’ quanto si legge nelle indagini del PM di Milano Paolo Storari, che ha chiuso l’inchiesta sulla divisione italiana del colosso multinazionale del food delivery Uber Eats. L’inchiesta segue la decisione storica che il Tribunale prese il 29 maggio scorso, quando con una decisione senza precedenti dispose il commissariamento dell’azienda per sfruttamento dei lavoratori.

Pubblicate anche intercettazioni di dirigenti di Uber Italia, con la manager della filiale italiana Gloria Brescian che, al telefono con un dipendente, affermava: “Davanti a un esterno non dire mai più ‘abbiamo creato un sistema per disperati. Anche se lo pensi, i panni sporchi vanno lavati in casa e non fuori”. Parole che, secondo il PM testimoniano come i dipendenti dell’azienda fossero a conoscenza e partecipi del sistema di sfruttamento. In totale sono dieci gli indagati, tra i quali la stessa Gloria Brescian.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati