sabato 2 Luglio 2022

Plastica: l’UE ha dichiarato irraggiungibili gli obiettivi di riciclo fissati appena 2 anni fa

Secondo l’analisi della Corte dei Conti Ue, senza una gran accelerazione, l’Europa non riuscirà a raggiungere gli obiettivi di smaltimento di materie plastiche. L’obiettivo prevede di riuscire a smaltire il 50% delle materie plastiche entro il 2025 e il 55% entro il 2030, obiettivi fissati appena due anni fa.

Samo Jereb responsabile dell’analisi ha affermato “sarà una sfida difficilissima” aggiungendo che la pandemia da Covid-19  “ha fatto rinascere le abitudini dell’usa e getta” e “dimostra che la plastica continuerà ad essere un pilastro delle nostre economie, ma anche una minaccia ambientale sempre più grave”.  Ad aggravare il problema sono anche i rifiuti che spariscono dal mercato legale. Secondo l’analisi il 13% dei rifiuti non pericolosi “spariscono”, percentuale che sale al 33% parlando di rifiuti pericolosi, alimentando così un mercato illegale in tutta Europa.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI