fbpx
martedì 28 Settembre 2021

Armenia e Azerbaigian siglano la tregua dopo due settimane di guerra

I governi di Armenia e Azerbaigian hanno concordato un cessate il fuoco a partire dalle ore 12 di oggi, 10 ottobre, nella regione contesa del Nagorno-Karabakh, da due settimane teatro di violenti scontri tra i rispettivi eserciti. L’accordo, che è stato siglato a Mosca sotto la regia del governo russo, prevede inoltre lo scambio dei prigionieri di guerra e dei corpi dei morti per permetterne la sepoltura. I ministri degli esteri di Armenia e Azeirbaigian hanno dichiarato che ulteriori dettagli verranno trattati nei prossimi giorni, quando si reincontreranno sotto l’egida del Gruppo di Minsk (tavolo coordinato da Russia, Usa e Francia) per provare a concordare una pace duratura.

La regione del Nagorno-Karabakh è parte dell’Azeibaigian, ma è abitata da una maggioranza di cittadini armeni che da decenni reclamano l’indipendenza e già in passato era stato teatro di violenti scontri.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati