domenica 2 Ottobre 2022

Clima: il buco dell’ozono ha raggiunto la sua massima espansione

Copernicus climate change service (C3s), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio da parte della Commissione Europea, annuncia che il buco dell’ozono è alla sua massima estensione in ampiezza e profondità. Le concentrazioni di ozono stratosferico sono arrivate a valori vicini allo zero in Antartide, a causa di un vortice polare forte, stabile e freddo.

Il buco dell’ozono del 2020 assomiglia a quello del 2018, ovvero grande e tra i primi della classifica degli ultimi anni. Nel 2019 grazie a delle condizioni meteorologiche speciali, è risultato piccolo e di breve durata. Vincent-Henry Peuch, direttore di Copernicus atmosphere monitoring service, conferma che dobbiamo continuare ad applicare il protocollo di Montreal, che vieta le emissioni di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI