venerdì 27 Maggio 2022

Egitto: arrestata Basma Mostafa, svelò i depistaggi sul caso Regeni

Basma Mostafa, la giornalista che svelò i depistaggi creati dal governo egiziano sull’indagine di omicidio del reporter italiano Giulio Regeni, era sparita sabato mattina senza lasciare tracce fino a domenica, giorno in cui un tribunale del Cairo le ha convalidato l’arresto. L’accusa è di divulgare notizie false ed essere parte di un gruppo terroristico, inoltre è la 27esima reporter rinchiusa nelle carceri egiziane.

La sicurezza nazionale egiziana non è nuova a questo genere di intervento: fermare, sequestrare e arrestare giornalisti, blogger con la colpa di fare solo il proprio lavoro. Lavoro particolarmente indigesto al regime Abdel Fattah al-Sisi che detiene il triste record di 65.000 prigionieri politici. Bosma al momento dell’ultimo contatto telefonico con il marito, si trovava nella città dei faraoni a Luxor 700km a sud del Cairo, luogo in cui si erano svolte decine di grandi proteste a seguito dei fatti del 20 settembre, giorno in cui in tutto il paese sono scoppiate rivolte spontanee contro il regime militare ormai in vigore da 6 anni. “Poco fa sono stata fermata da un poliziotto, ha voluto vedere i miei documenti, ha fatto delle domande, poi mi ha lasciato andare, però continua a seguirmi” queste sono le ultime parole della giornalista dette al marito Karim Abdelrady.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI