giovedì 19 Maggio 2022

Kirghizistan: manifestanti assaltano il Parlamento, oltre 120 feriti

Oggi a Bishkek capitale del Kirghizistan, sono avvenuti degli scontri in piazza davanti al palazzo del potere. Oltre 120 manifestati sono finiti all’ospedale, alcuni di loro anche in condizioni gravi, inoltre si registra un morto che non è ancora stato identificato. A riportare la notizia è il ministero deIla Salute kirghiso. Il motivo di questi scontri sarebbe il risultato delle elezioni parlamentari del 4 ottobre, dominate da due partiti vicini al potere. I manifestanti antigovernativi chiedono le dimissioni del presidente filo-russo Sooronbay Jeenbekov e lo svolgimento di nuove elezioni parlamentari, dopo le accuse di frode e compravendita di voti che hanno offuscato quelle tenutesi domenica.

Le proteste si sono accese, tanto che molti manifestanti hanno provato a scavalcare il cancello del Parlamento. Solo alcuni ci sono riusciti e sono entrati nel palazzo liberando l’ex presidente Almazbek Atambayev che vi era lì detenuto. Circondato da regimi autoritari, il Kirghizistan è un’eccezione democratica in Asia centrale, anche se ha subito due violente rivoluzioni nel 2005 e nel 2010 e le transizioni politiche sono sempre state tempestose. A causa della pandemia di Covid-19 in un contesto economico già difficile, gli osservatori hanno temuto una compravendita di voti. È di pochi minuti fa la notizia che le elezioni di domenica sono state annullate.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI