venerdì 19 Agosto 2022

Egitto: Patrick Zaky resta in prigione

Patrick George Zaky, ricercatore e studente dell’università di Bologna, rimarrà in carcere almeno fino al 7 ottobre, lo ha deciso il giudice rinviando l’udienza prevista per oggi, per motivi di sicurezza legati all’evasione avvenuta nel carcere di Tora. Il giovane resterà in prigione per altri 10 giorni e al momento dell’udienza si deciderà un rilascio o un prolungamento della detenzione. Si tratta dell’ennesimo rinvio dall’inizio dell’arresto di Patrick, che dal 7 febbraio si trova in carcere con l’accusa di propaganda sovversiva e per aver condiviso 10 post su Facebook contro il Governo turco. Un portavoce di Amnesty chiede al Governo italiano di rimettere nell’agenda il nome di Zaky e permettere allo studente di essere in aula per difendersi insieme ai suoi legali. Inoltre secondo Amnesty, Patrick rischia fino a 25 anni di carcere.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI