lunedì 24 Giugno 2024

L’impressionante produzione legislativa “legge e ordine” dell’Italia negli ultimi 20 anni

In Italia, da molti anni ormai, la legislazione introduce misure volte a cancellare sempre più i diritti civili, in nome di una supposta “sicurezza” e del mantenimento dell’ordine. Già dagli anni ’70, con la scusa della minaccia terroristica, sono state reintrodotte fattispecie di reato originariamente previste dal codice penale fascista, poi abrogate dopo la sua caduta. 

L’impianto normativo è sempre più volto a criminalizzare la povertà, gli emarginati, il disagio sociale, le opposizioni politiche, mentre sembra voler mantenere – soprattutto nella storia molto recente – un approccio sfacc...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. E’ assolutamente ERRATO scrivere, rispetto ai decreti legge, “senza che il Parlamento possa avere la benché minima obiezione da porre” Infatti gli stessi decreti legge devono essere presentati al Parlamento il giorno stesso per la conversione in legge, e lo stesso Parlamento deve esprimersi entro 60gg (art 77 Costituzione)

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI