lunedì 24 Giugno 2024

Olimpiadi, inchiesta per corruzione: perquisita la Fondazione Milano-Cortina, 3 indagati

Il nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza sta effettuando perquisizioni, ordini di esibizione e ispezioni di sistemi informatici all’interno delle sedi di Fondazione Milano-Cortina 2026 – comitato organizzatore delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi invernali 2026 -, e di una società di Orvieto, Vetrya (ora Quibyt), cui sono stati assegnati i servizi digitali per la manifestazione. Il tutto avviene nella cornice di un’inchiesta, coordinata dai pm Francesco Cajani e Alessandro Gobbis con il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, in cui si ipotizzano reati di corruzione e turbativa d’asta. I magistrati hanno messo sotto indagine tre persone: l’ex Ad della Fondazione, Vincenzo Novari, un ex dirigente della Fondazione, Massimiliano Zuco, e l’ex rappresentante legale della società appaltatrice, Luca Tomassini.

Secondo l’ipotesi accusatoria, al fine di “favorire l’affidamento delle gare relative al cosiddetto ecosistema digitale” alla Vetrya, l’ex ad della Fondazione Milano-Cortina 2026 Vincenzo Novari e l’ex dirigente Massimiliano Zuco avrebbero ottenuto dal rappresentante legale della società che si aggiudicò gli appalti, Luca Tomassini, “somme di denaro e altre utilità”, tra cui “l’auto Smart per Zuco, pagata direttamente da Tomassini tramite Vetrya fin dal novembre 2019”. Tali gare sarebbero state assegnate alla società con fatture emesse per i lavori “da parte di Vetrya e Quibyt“, amministrate entrambe da Tomassini, e pagate “per importi complessivamente non inferiori” a quasi 1,9 milioni di euro dalla Fondazione. L’inchiesta, vede le forze dell’ordine impegnate ad acquisire documentazione anche negli uffici di Deloitte, azienda poi subentrata a quella umbra nella fornitura di servizi digitali. Dagli atti dei pm emerge che Vincenzo Novari avrebbe “assunto” nella Fondazione Milano-Cortina 2026 “personale dipendente” che proveniva dalle aziende dei suoi “precedenti incarichi dirigenziali”, nonché da altre a lui “riferibili”. La Procura parla espressamente di uno spaccato di “opacità” nella gestione di appalti e personale nel corso del mandato di Novari, sebbene l’ente sia di natura “sostanzialmente pubblicistica” con “risorse e garanzie dello Stato e di enti locali” come “Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regioni Lombardia e Veneto, Comuni di Milano e Cortina d’Ampezzo, Province di Trento e Bolzano, Coni e Cip”. La Fondazione è controllata dal Coni, dalle Regioni Lombardia e Veneto e dai Comuni di Milano e di Cortina, mentre la Presidenza del Consiglio vi è entrata con le province di Trento e Bolzano dopo la riforma del decreto Aiuti-bis nell’estate 2022.

Novari e Tomassini, in particolare, hanno curriculum prestigiosi e di lungo corso. Il primo, che fu ad di Omnitel, nel 2000 ha fondato Andala spa, di cui fu amministratore delegato sfino a quando la società divenne 3 Italia e si fuse con Wind. Ha avuto incarichi di peso in Saiwa e L’Oreal ed è stato consulente di CK Hutchinson e Commodore. Luca Tomassini è stato direttore dello Sviluppo di Business di TIM, Direttore dell’Innovazione e Direttore Broadband Content del Gruppo Telecom Italia. È Professore aggiunto alla LUISS Guido Carli e professore in Digital New Media e Telecomunicazioni alla Facoltà di Ingegneria Industriale ed Economia dell’Università degli Studi di Viterbo. Nel 2015 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Capo dello Stato Sergio Mattarella e, quattro anni dopo, Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI