domenica 16 Giugno 2024

ETA e indipendentismo basco: cronaca di un movimento rivoluzionario, tra luci e ombre

Il 3 maggio 2018 Euskadi Ta Askatasuna (Paese basco e libertà), anche conosciuta come ETA, cessava ogni attività, sciogliendo definitivamente l’organizzazione. In più di 50 anni di lotta armata e politica, quest’organizzazione è salita alla ribalta della cronaca spagnola e internazionale, a causa dell’aspro conflitto combattuto contro il potere dello Stato spagnolo, mietendo, spesso, numerose vittime civili. Secondo il ministero dell’Interno di Spagna, dal 1968 al 2010, ETA uccise 852 persone e causò 2661 feriti. Sono passati sei anni da quando Josu Urrutikoetxea, noto come “Ternera”, uno dei ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

  1. Narrativa in stile Spagnolo da cui ovviamente non si capisce niente 😂
    Seguitemi un minuto e tutto si chiarisce, fino a Galileo Galilei e Newton eravamo tutti Fascisti, per calcolare la caduta di un sasso si prendeva il tempo totale, lo si divideva per la distanza e il Re diceva che la velocità doveva essere quella.
    Poi con Galileo si capì che accelerava e Newton fece il grande passo di capire che occorreva fare infinite misurazioni per determinare l’accelerazione, se invece di un sasso siamo noi la matematica non cambia, ripiudiamo il fascismo: non mangiamo come dice Meloni un quarto di pollo a testa alla settimana, ma pretendiamo che tutti gli infiniti sviluppi della nostra personalità e socialità siano considerati dallo Stato, tutti i nostri Federalismi, tutte le nostre credenze, tutte le nostre associazioni etc.
    Perché l’uomo aspira all’infinito non ad un funerale con elogio della Meloni come vorrebbero i Fascisti!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI