sabato 18 Maggio 2024

La Giamaica ha deciso di riconoscere lo Stato di Palestina

Il governo della Giamaica ha deciso di riconoscere lo Stato di Palestina: ad annunciarlo è il ministero degli Affari Esteri del Paese in un comunicato, nel quale si dichiara che «la Giamaica continua a difendere la soluzione a due Stati come l’unica opzione praticabile per risolvere il conflitto di lunga durata». L’annuncio arriva a meno di una settimana di distanza da una analoga decisione del governo delle Isole Barbados, allungando così la lista dei Paesi che riconoscono lo Stato di Palestina, che arriva ora a 141 membri.

La ministra degli Esteri giamaicana, Kamina Johnson Smith, ha dichiarato che la decisione si trova «in linea con il forte impegno della Giamaica nei confronti dei principi della Carta delle Nazioni Unite, la quale cerca di generare mutuo rispetto e una pacifica coesistenza tra gli Stati, così come il riconoscimento del diritto delle persone all’autodeterminazione». Il ministro ha anche ribadito la richiesta di una conclusione pacifica del conflitto, la necessità di un cessate il fuoco immediato e del rilascio di tutti gli ostaggi, oltre che della garanzia di un maggiore accesso agli aiuti umanitari per il popolo di Gaza.

La Palestina aveva presentato richiesta formale per diventare un membro a tutti gli effetti delle Nazioni Unite nel 2011. La richiesta è stata respinta e nel 2012 è stato concesso dall’Assemblea ONU lo status di Paese osservatore non membro (con 138 voti a favore, 41 astensioni e solamente 9 contrari, tra i quali gli Stati Uniti e Israele). Solamente una settimana fa, gli Stati Uniti hanno bloccato una risoluzione del Consiglio di Sicurezza ONU che chiedeva l’adesione della Palestina alle Nazioni Unite (che aveva ricevuto ben 12 voti a favore), negando così di fatto il riconoscimento della Palestina come Stato.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI