lunedì 20 Maggio 2024

Il prezzo del cacao sul mercato globale è andato del tutto fuori controllo

Negli ultimi mesi, il prezzo del cacao è salito vertiginosamente, fino a superare per la prima volta i 10.000 dollari a tonnellata, dopo che negli ultimi quindici anni era stato stabilmente compreso tra i 1.800 e i 3.200 dollari. Una impennata di cinque volte questo valore, avvenuta soprattutto nelle ultime settimane: quattromila dollari il 17 febbraio, cinquemila il 2 febbraio, seimila il 14 febbraio, settemila il 4 marzo, ottomila il 12 marzo, novemila il 22 marzo, fino al record di quasi diecimila dollari la tonnellata toccato il primo aprile. E mentre ci si chiede se a breve la cioccolata ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

  1. Suggerimento: come si muovono gli hedge funds nel mercato delle materie prime? E’ molto importante, a parer mio, spiegare più dettagliatamente le regole del gioco. In questo articolo se ne parla solo alla fine e molto velocemente. Da quando ci sono per es queste “regole”? Cosa significa comprare allo scoperto? Come si generano i guadagni per un fondo comprando e vendendo materie prime? Hanno più forza delle società che invece dovrebbero comprare le materie prime per produrre un effettivo prodotto finito? Ed infine come mai non si pone un limite alla capacità di una organizzazione finanziaria che non ha nessuna intenzione di usare quella materia prima per produrre un prodotto finito di “lavorare” su quella materia prima?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI